CONFERENZE |Forlì : Luoghi forlivesi Il cimitero monumentale

NEL RISPETTO DELLE MISURE PER IL CONTRASTO E IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL VIRUS COVID-19

ACCADEMIA  PERMANENTE

STAGIONE 2022/2023 ANNO XXXII

presenta

Mercoledì 26 Ottobre 2022 ore 15,00
PALAZZO DELLA PROVINCIA, SALA CONSIGLIO

PIAZZA G.B. MORGAGNI, 9 FORLI

INGRESSO LIBERO – LA CITTADINANZA E’ INVITATA

per il ciclo di conferenze

    LUOGHI FORLIVESI
 Il cimitero monumentale

Relatore: Alvaro Lucchi (con proiezioni)

 Diploma di laurea in pittura presso l’Accademia delle Belle Arti di   Bologna

Il percorso artistico di Alvaro Lucchi inizia dall’incontro con il pittore bolognese Sergio Vellani, suo professore di disegno alle Scuole Medie inferiori, che lo indirizzò agli  studi artistici per le innate capacità che aveva individuato nell’allievo.

Lucchi non seguì immediatamente i consigli del docente, intraprendendo studi tecnici che lo portarono a sviluppare una carriera professionale prima come progettista di elettrodomestici presso lo stabilimento forlivese BECCHI, quindi in ENEL concludendo la sua attività professionale nel 1998 quale Capo Agenzia.

Ma sin d’allora la pittura Lucchi non l’abbandonò più, aprendo il suo primo studio artistico in via Bufalini già nel 1975 ; nel 1998 ha aperto quello  in corso Diaz.

La formazione di Lucchi è perciò di autodidatta, almeno per i primi anni; negli anni ’70 del Novecento riprese i contatti con Vellani, che aveva scoperto magnifico colorista, pittore di figura, frequentando con assiduità  il suo studio bolognese per approfondire il condiviso interesse per la figura ed il nudo, unendo a questa esperienza anche la frequentazione quale “portoghese” di lezioni di pittura presso l’Accademia bolognese.

Circa i temi e la poetica di Lucchi, egli è maturato partendo da una pittura  che risentiva decisamente dalla lezione dell’impressionismo francese, figurativa e di paesaggio. Inizialmente è stato pittore en plein air, alternando al paesaggio all’aperto, lo studio della figura al cavalletto.

Negli anni a seguire, durante e dopo gli studi accademici, ha abbandonato la pittura impressionista per una ricerca più attenta, meno emotiva, interiore, attraverso la figura, il nudo e la natura morta che spesso, nelle sue opere, fa convivere.

All’attività al cavalletto, affianca studi ed approfondimenti riguardanti la  Storia dell’Arte ed artisti del passato e contemporanei. Già da diverso tempo è impegnato alla stesura di una Guida raccontata del Cimitero monumentale di Forlì, sotto il profilo artistico e storico.

Di lui hanno scritto i Critici d’Arte Silvia Arfelli, Flavia Bugani, Enzo Dall’Ara, Rosanna Ricci, Serena Vernia.

Immagini correlate:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi